L’Eroica

L’Eroica

Il Chianti ha il potere di trasformare il ciclismo in un evento culturale

Stiamo parlando dell’Eroica, ormai un appuntamento cult per la terra del Chianti

Ideata e promossa dall’Associazione Parco Ciclistico del Chianti, l’Eroica è una gara dove la classifica conta poco o nulla rispetto al contenuto che ispira la manifestazione.

In questa giornata, come una magia torna attuale quel ciclismo che entusiasmava l’Italia intera divisa tra Coppi e Bartali e tornano protagonisti ciclisti puri con biciclette d’epoca, maglie di lana e camere d’aria a tracolla.

Le strade sterrate del Chianti sono protagoniste confermandosi simboli di una viabilità a misura d’uomo e di una zona decisamente adatta per gli amanti del pedale.

L’Eroica prevede tre percorsi dei quali due molto impegnativi (200 e 145 km) per ciclisti allenati mentre per ciclisti più tranquilli il percorso si aggira intorno ai 70 km; ai partecipanti non è consentito l’uso di mountain bike o bici da strada “contemporanee”.

Si tratta infatti di una rievocazione con biciclette antiche dove i ciclisti adeguano anche l’abbigliamento al tenore della manifestazione. Al seguito degli “eroi” è previsto un cordone di auto e moto d’epoca.

Generalmente si svolge la prima domenica di Ottobre in concomitanza con il tradizionale rito della vendemmia.

L’evento è accompagnato da una serie di manifestazioni collaterali come l’esposizione di biciclette con oltre mezzo secolo di vita e le mostre fotografiche a tema sul ciclismo eroico che arricchiscono notevolmente il suo contenuto e trasformano la piazza di Gaiole in Chianti in un accogliente punto di incontro.

Castello di Brolio

Castello di Brolio

Castello di Brolio

Tra mille colori e sfumature, morbide colline, valli vellutate e fitti boschi

Il Castello di Brolio appartiene alla famiglia Ricasoli dal 1141. Nel corso dei secoli, ha subìto distruzioni in numerose battaglie di cui porta ancora i segni.

Il castello che possiamo ammirare noi oggi è frutto della ricostruzione voluta da Bettino Ricasoli nell’Ottocento, secondo il gusto medievale dell’epoca. Sto parlando di splendidi giardini all’italiana dalle caratteristiche forme geometriche e di un ampio parco romantico che circonda il castello.

Da lì è possibile, inoltre, godere di una vista mozzafiato sui terreni della famiglia Ricasoli, famosi produttori di vino. Bettino Ricasoli, detto il Barone di Ferro per la sua fermezza e convinzione nei suoi ideali, fu il primo a mescolare tre uve diverse in quantità determinate per la produzione del Chianti Classico di denominazione di origine controllata.

Lo ricordiamo con piacere perché viaggiò molto portando nel Chianti strumenti d’avanguardia e sempre nuove conoscenze.

Secondo una leggenda locale nelle notti di luna piena nei dintorni del Castello si aggira proprio il fantasma di Bettino Ricasoli. Alcuni lo hanno visto passeggiare da solo o a cavallo seguito da cani da caccia. Inoltre, sembra che il letto del barone sia stato trovato disfatto più volte dopo la sua morte, proprio come se qualcuno ci avesse realmente dormito.

Continua con la scoperta del Chianti…

Castello di Ama

Castello di Ama

Castello di Ama Un luogo che racchiude un vino rivoluzionario e tesori di arte contemporanea Ama è un piccolo borgo tra le colline del Chianti storico, dove i vigneti si alternano agli oliveti e al bosco. Un luogo bellissimo e di grandi tradizioni viticole. Nel 1982,...

Pieve Romanica di San Polo in Rosso

Pieve Romanica di San Polo in Rosso

Pieve Romanica di San Polo in Rosso Le sue forme ricordano uno strano connubio fra sacro e militarescoDi grande interesse artistico è la pieve di San Polo in Rosso, menzionata già avanti il Mille come proprietà della famiglia Firidolfi, poi Ricasoli. Nonostante i...

Pieve Romanica di San Giusto in Salcio

Pieve Romanica di San Giusto in Salcio

Pieve Romanica di San Giusto in Salcio Sobria, ma imponente dal colore grigio/tenue della pietraLa pieve di San Giusto in Salcio è un’antica pieve cattolica fra le più antiche del Chianti ed appartiene alla diocesi di FiesoleContinua con la scoperta del Chianti...

Castello di Cacchiano

Castello di Cacchiano

Castello di Cacchiano

Nella parte a sud del Chianti, immerso in ettari di oliveti e vigneti

Il Castello di Cacchiano fu fondato nel X secolo dalla famiglia Ricasoli. Da più di mille anni i Ricasoli, la cui prestigiosa nobiltà feudale di origine longobarda risale all’epoca di Carlo Magno, ne sono proprietari.

Le origini del castello si collocano in età romana, come testimoniato dall’esistenza di numerosi reperti archeologici di particolare rilevanza rinvenuti nell’area.
Durante tutto il medioevo, il Castello di Cacchiano, ubicato in territorio fiorentino, svolse quale fortilizio, unitamente al vicino Castello di Brolio, anch’esso di proprietà Ricasoli, un ruolo centrale nella difesa del territorio dagli assalti condotti dai senesi e dai loro alleati e, successivamente, dagli aragonesi.

Il castello venne poi trasformato in villa-fattoria, a vocazione agraria. Nel corso dei secoli l’originario circuito murario, medievale-rinascimentale, si è ampliato con la costruzione di alcuni edifici e di una piccola chiesa che conferiscono al Castello di Cacchiano l’odierna fisionomia di un imponente Castello-Borgo fortificato.

Continua con la scoperta del Chianti…

Castello di Ama

Castello di Ama

Castello di Ama Un luogo che racchiude un vino rivoluzionario e tesori di arte contemporanea Ama è un piccolo borgo tra le colline del Chianti storico, dove i vigneti si alternano agli oliveti e al bosco. Un luogo bellissimo e di grandi tradizioni viticole. Nel 1982,...

Pieve Romanica di San Polo in Rosso

Pieve Romanica di San Polo in Rosso

Pieve Romanica di San Polo in Rosso Le sue forme ricordano uno strano connubio fra sacro e militarescoDi grande interesse artistico è la pieve di San Polo in Rosso, menzionata già avanti il Mille come proprietà della famiglia Firidolfi, poi Ricasoli. Nonostante i...

Pieve Romanica di San Giusto in Salcio

Pieve Romanica di San Giusto in Salcio

Pieve Romanica di San Giusto in Salcio Sobria, ma imponente dal colore grigio/tenue della pietraLa pieve di San Giusto in Salcio è un’antica pieve cattolica fra le più antiche del Chianti ed appartiene alla diocesi di FiesoleContinua con la scoperta del Chianti...

Lecchi in Chianti

Lecchi in Chianti

Lecchi in Chianti

Un luogo suggestivo ed emozionante

Il caratteristico borgo di Lecchi in Chianti è fiancheggiato lungo la strada principale che sale fino ad Ama. Con le sue case di pietra e una chiesa più che dignitosa, questo luogo è il posto ideale per una sosta e per una camminata tra i sentieri che si snodano tra i vigneti.

La perla di questo posto sono le Pozze di Lecchi: un bacino naturale di acqua sorgiva di grande fascino. L’acqua limpida proviene dal torrente Mulinaccio, che scende nella valle vicino Lecchi per poi confluire nel torrente Massellone, affluente del fiume Arbia.

Le Pozze di Lecchi si trovano a ridosso del bosco di querce e cerri, in un contesto naturalistico suggestivo e definito dai salici.

Continua con la scoperta del Chianti…

Castello di Ama

Castello di Ama

Castello di Ama Un luogo che racchiude un vino rivoluzionario e tesori di arte contemporanea Ama è un piccolo borgo tra le colline del Chianti storico, dove i vigneti si alternano agli oliveti e al bosco. Un luogo bellissimo e di grandi tradizioni viticole. Nel 1982,...

Pieve Romanica di San Polo in Rosso

Pieve Romanica di San Polo in Rosso

Pieve Romanica di San Polo in Rosso Le sue forme ricordano uno strano connubio fra sacro e militarescoDi grande interesse artistico è la pieve di San Polo in Rosso, menzionata già avanti il Mille come proprietà della famiglia Firidolfi, poi Ricasoli. Nonostante i...

Pieve Romanica di San Giusto in Salcio

Pieve Romanica di San Giusto in Salcio

Pieve Romanica di San Giusto in Salcio Sobria, ma imponente dal colore grigio/tenue della pietraLa pieve di San Giusto in Salcio è un’antica pieve cattolica fra le più antiche del Chianti ed appartiene alla diocesi di FiesoleContinua con la scoperta del Chianti...

Castello di Ama

Castello di Ama

Castello di Ama

Un luogo che racchiude un vino rivoluzionario e tesori di arte contemporanea

Ama è un piccolo borgo tra le colline del Chianti storico, dove i vigneti si alternano agli oliveti e al bosco. Un luogo bellissimo e di grandi tradizioni viticole. Nel 1982, la gestione tecnica dell’azienda è affidata a Marco Pallanti, giovane agronomo, che nel giro di qualche anno diventa uno dei più stimati enologi toscani.

Il complesso del Castello di Ama è composto da più edifici aggregati che, sebbene sorti in epoche diverse, hanno in comune l’uso della pietra come materiale edilizio. Il borgo, con le sue case di origine medioevale, si sviluppa lungo l’asse della via principale, quasi protetto, ai due estremi, da due ville.
La villa principale, già Ricucci, è l’unica che ha conservato pressoché inalterati gli originali caratteri settecenteschi, mentre completamente rinnovata in forme vagamente neoclassiche è villa Pianigiani.

Di particolare interesse sono le tre piccole cappelle, una intitolata alla Santissima Vergine del Carmine, presso la villa Pianigiani, la seconda, lungo la via principale, dedicata a San Lorenzo e la terza, intitolata a San Venazio, nel giardino di villa Riccucci.
Il giardino ha siepi di bosso che creano aiuole geometriche ed è arricchito da una superba veduta sulla campagna del Chianti.

Dal 2000 è nato il progetto “Castello di Ama per l’Arte Contemporanea” ovvero Arte e Vino, insieme, per lasciare una traccia dell’oggi in un luogo antico.

Continua con la scoperta del Chianti…

Castellina in Chianti

Castellina in Chianti

Castellina in Chianti Tra terreni boschivi, fauna selvatica e civiltà etruscaIl pittoresco borgo mantiene tutt'oggi la forma quadrilaterale tipica delle antiche fortificazioni medievali. La fortificazione principale ed il cuore dell’abitato è l’antica Rocca,...

Panzano in Chianti

Panzano in Chianti

Panzano in Chianti Vivere in un'altra epocaLa Via Chiantigiana è una delle più seducenti vie del Chianti Classico. Si snoda attraverso dolci colline, borghi, castelli e cantine dove è possibile degustare il famoso vino DOC. Panzano in Chianti è un tranquillo centro di...

Greve in Chianti

Greve in Chianti

Greve in Chianti Un paradiso per gli amanti del verde La storia di Greve è fortemente collegata con il bellissimo Castello di Montefioralle, situato sopra la città. Questo piccolo borgo fortificato è un vero e proprio gioiello, in cui ti troverai a camminare lungo...

Pieve Romanica di San Polo in Rosso

Pieve Romanica di San Polo in Rosso

Pieve Romanica di San Polo in Rosso

Le sue forme ricordano uno strano connubio fra sacro e militaresco

Di grande interesse artistico è la pieve di San Polo in Rosso, menzionata già avanti il Mille come proprietà della famiglia Firidolfi, poi Ricasoli. Nonostante i numerosi rifacimenti due-tre e quattrocenteschi, mantiene inalterato un suo fascino.

Il borgo è stato trasformato in fortezza nel corso del XIII secolo.

La pieve fortificata si presenta in stile romanico-gotico; è costituita da una grande chiesa a tre navate, incorporata in una grossa costruzione castellana quasi quadrangolare.

All’interno della chiesa fortificata sono visibili affreschi medievali di scuola senese, un interessante crocifisso ligneo e arredi liturgici di varie epoche. Situato su di un colle, il castello di San Polo in Rosso si trova nel cuore del Chianti Classico, immerso in un paesaggio rinomato per i suoi vigneti, le foreste e la ricchezza di tesori d’arte inestimabili: imponenti castelli, monasteri e borghi fortificati.

Continua con la scoperta del Chianti…

Pieve Romanica di San Polo in Rosso

Pieve Romanica di San Polo in Rosso

Pieve Romanica di San Polo in Rosso Le sue forme ricordano uno strano connubio fra sacro e militarescoDi grande interesse artistico è la pieve di San Polo in Rosso, menzionata già avanti il Mille come proprietà della famiglia Firidolfi, poi Ricasoli. Nonostante i...

Pieve Romanica di San Giusto in Salcio

Pieve Romanica di San Giusto in Salcio

Pieve Romanica di San Giusto in Salcio Sobria, ma imponente dal colore grigio/tenue della pietraLa pieve di San Giusto in Salcio è un’antica pieve cattolica fra le più antiche del Chianti ed appartiene alla diocesi di FiesoleContinua con la scoperta del Chianti...

Radda in Chianti

Radda in Chianti

Radda in Chianti Una località conosciuta per la sua atmosfera suggestiva e i suoi panorami meravigliosiRadda in Chianti è uno spettacolare borgo medievale racchiuso da possenti mura difensive, situato sulla cima del colle che divide le valli di Arbia e Pesa. Al suo...

Pieve Romanica di San Giusto in Salcio

Pieve Romanica di San Giusto in Salcio

Pieve Romanica di San Giusto in Salcio

Sobria, ma imponente dal colore grigio/tenue della pietra

La pieve di San Giusto in Salcio è un’antica pieve cattolica fra le più antiche del Chianti ed appartiene alla diocesi di Fiesole

Continua con la scoperta del Chianti…

Greve in Chianti

Greve in Chianti

Greve in Chianti Un paradiso per gli amanti del verde La storia di Greve è fortemente collegata con il bellissimo Castello di Montefioralle, situato sopra la città. Questo piccolo borgo fortificato è un vero e proprio gioiello, in cui ti troverai a camminare lungo...

Badia a Coltibuono

Badia a Coltibuono

Badia a Coltibuono Circondata da grandi boschi di abete bianco e castagnoNel 1051 il monaco Giovanni Gualberto ricevette in dono da potenti signori feudali locali la chiesa di San Lorenzo a Coltibuono con la richiesta di costruire una residenza per il clero e un...

Gaiole in Chianti

Gaiole in Chianti

Gaiole in Chianti Città mercato per i castelli e le località limitrofeGaiole in Chianti in passato era una città indaffarata con il traffico locale, ma dopo la fine dei conflitti tra Firenze e Siena, si orientò più verso l'agricoltura, rinforzando la sua posizione...

Radda in Chianti

Radda in Chianti

Radda in Chianti

Una località conosciuta per la sua atmosfera suggestiva e i suoi panorami meravigliosi

Radda in Chianti è uno spettacolare borgo medievale racchiuso da possenti mura difensive, situato sulla cima del colle che divide le valli di Arbia e Pesa.

Al suo aspetto tipicamente medievale, caratterizzato da stradine strette e dai classici edifici a torre del periodo, si aggiunge il fascino tradizionale toscano delle facciate in pietra locale.

Nella terrazza coperta dell’edificio municipale o Palazzo dei Podestà le pareti sono adornate con gli scudi dei vari Podestà, con tanto di legenda per identificare le varie figure che hanno esercitato il loro potere.

Davanti al Palazzo del Podestà, si staglia sulla piazzetta con la fontana la Propositura di San Niccolò. Un altro edificio interessante è la ghiacciaia granducale: fu costruita con lo scopo specifico di essere riempita durante l’inverno con la neve, in modo che formasse ghiaccio, conservato – poi – in un luogo fresco affinchè potesse essere utilizzato durante tutta l’estate.

Girando intorno alla cittadina e seguendo le stradine in ciottolato ed i “camminamenti medievali”, si respira un’atmosfera dal sapore particolarmente pacato ed evocativo. Radda è una località molto attiva, che offre molti eventi tra cui festival del vino, rievocazioni storiche ed attività culturali.

Continua con la scoperta del Chianti…

Badia a Coltibuono

Badia a Coltibuono

Badia a Coltibuono Circondata da grandi boschi di abete bianco e castagnoNel 1051 il monaco Giovanni Gualberto ricevette in dono da potenti signori feudali locali la chiesa di San Lorenzo a Coltibuono con la richiesta di costruire una residenza per il clero e un...

Gaiole in Chianti

Gaiole in Chianti

Gaiole in Chianti Città mercato per i castelli e le località limitrofeGaiole in Chianti in passato era una città indaffarata con il traffico locale, ma dopo la fine dei conflitti tra Firenze e Siena, si orientò più verso l'agricoltura, rinforzando la sua posizione...

Vertine

Vertine

Vertine Oasi fortificata tra i monti del Chianti Vertine è uno degli esempi meglio conservati di architettura militare del Chianti e più precisamente del comune di Gaiole. L'eccellente condizione in cui si trova oggi, soprattutto il castello dalla forma quasi ovale,...

Castellina in Chianti

Castellina in Chianti

Castellina in Chianti

Tra terreni boschivi, fauna selvatica e civiltà etrusca

Il pittoresco borgo mantiene tutt’oggi la forma quadrilaterale tipica delle antiche fortificazioni medievali. La fortificazione principale ed il cuore dell’abitato è l’antica Rocca, progettata nella seconda metà del Quattrocento da Giuliano da Sangallo. Dalla sua imponente torre del 14° secolo è possibile ammirare l’intera città e la campagna circostante.

All’interno della Rocca si trovano gli uffici del comune di Castellina e il Museo Archeologico del Chianti , dove sono esposti resti e ritrovamenti archeologici importanti dei dintorni, a testimonianza delle antiche origini della regione del Chianti.

Il museo è diviso in tre aree tematiche ed i manufatti esposti appartengono principalmente all’epoca del Bronzo, etrusca o sono resti trovati nell’antica struttura medievale della città. Vi sono esposte anche diverse testimonianze di scavi limitrofi, che rendono il museo un luogo adatto ad ogni età, dotato persino di strumenti interattivi di apprendimento.

Sotto le antiche mura, corre un suggestivo tunnel sotterraneo, oggi conosciuto come la Via delle Volte, che ospita negozi, botteghe artigiane e ristoranti; il tunnel gira intorno alla città, racchiudendo da sotto il centro storico. Un tempo era una strada all’aperto, ma quando ci fu necessità di espandere la città, fu deciso di costruire sopra questa strada, trasformandola in un tunnel dalla conformazione particolare.

La Chiesa di San Salvatore merita senza dubbio una visita. Ricostruita nel 1945 dopo la devastazione subita durante la Seconda Guerra Mondiale, ospita, ancora, un notevole affresco di Lorenzo Bicci rappresentante la Vergine Maria con il Bambino ed una statua in legno di epoca rinascimentale.

Continua con la scoperta del Chianti…

Vertine

Vertine

Vertine Oasi fortificata tra i monti del Chianti Vertine è uno degli esempi meglio conservati di architettura militare del Chianti e più precisamente del comune di Gaiole. L'eccellente condizione in cui si trova oggi, soprattutto il castello dalla forma quasi ovale,...

Barbischio

Barbischio

Barbischio Più di un'antica difesa fiorentinaIl Castello di Barbischio sovrasta il paese di Gaiole In Chianti.  Nel 1200, insieme ai vicini Montegrossi, Vertine e Meleto, Barbischio faceva parte delle difese fiorentine di quest'area del Chianti, confinante con i...

Castello di Meleto

Castello di Meleto

Castello di Meleto Il vero gusto settecentesco a Gaiole in ChiantiIl Castello di Meleto si erge maestoso nell'incantevole paesaggio di Gaiole in Chianti, al termine di un piacevole viale fiancheggiato da cipressi e ginepri. La struttura sorge in mezzo ai campi e alle...

Panzano in Chianti

Panzano in Chianti

Panzano in Chianti

Vivere in un’altra epoca

La Via Chiantigiana è una delle più seducenti vie del Chianti Classico. Si snoda attraverso dolci colline, borghi, castelli e cantine dove è possibile degustare il famoso vino DOC.

Panzano in Chianti è un tranquillo centro di villeggiatura posto a 498 metri di altitudine ed è una frazione di Greve in Chianti.  

Prima di tutto spicca il castello di Panzano, la cui datazione pare risalire all’XI secolo. Residenza della nobile famiglia Ricasoli Firidolfi, il castello fu teatro per tutto il medioevo degli scontri tra Siena e Firenze per il controllo della zona del Chianti; in seguito anche delle lotte intestine tra guelfi e ghibellini che porteranno alla sua parziale distruzione. Oggi possiamo ammirarne i resti, trai quali spicca l’antica cinta muraria conservatasi quasi integralmente.

Continuando attraverso il borgo troviamo l’Oratorio di Sant’Eufrosino, l’evangelizzatore del Chianti che visse e morì nella zona tra il VII e l’VIII secolo. Secondo quanto afferma la tradizione, l’oratorio sarebbe sorto proprio sulla sua tomba. La chiesa è stata ricostruita più volte nel corso dei secoli.

Il Santuario è meta di pellegrinaggio per via di una sorgente posta al suo interno, ritenuta taumaturgica e miracolosa. Si tratta di un tempietto costituito da due colonne in muratura e da un architrave in arenaria, al cui interno ritroviamo la sorgente su cui si erige il busto del Santo. Testimonianza anche dell’abbondanza di acqua che caratterizza la zona.

Continua con la scoperta del Chianti…

Barbischio

Barbischio

Barbischio Più di un'antica difesa fiorentinaIl Castello di Barbischio sovrasta il paese di Gaiole In Chianti.  Nel 1200, insieme ai vicini Montegrossi, Vertine e Meleto, Barbischio faceva parte delle difese fiorentine di quest'area del Chianti, confinante con i...

Castello di Meleto

Castello di Meleto

Castello di Meleto Il vero gusto settecentesco a Gaiole in ChiantiIl Castello di Meleto si erge maestoso nell'incantevole paesaggio di Gaiole in Chianti, al termine di un piacevole viale fiancheggiato da cipressi e ginepri. La struttura sorge in mezzo ai campi e alle...

Monte Luco

Monte Luco

Monte Luco Vivere la natura in tutta tranquillitàIl Monte Luco è una montagna del Chianti Senese che si innalza poco oltre gli 800 metri ed è caratterizzata sia dalla presenza di pini, abeti, castagni e faggi che, nella zona più in basso, da una fitta macchia...